3rotaieMarklin - Quesito di elettrotecnica      

Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?
    

Menù riservato agli utenti registrati - Registrati  




 Tutti i Forum
 Altri Argomenti
 OFF TOPIC
 Quesito di elettrotecnica
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


Tutti gli utenti possono inserire NUOVE discussioni in questo forum Tutti gli utenti possono rispondere in questo forum
  Bookmark this Topic  
Autore Discussione  

Snaggletooth

Supersenior Märklin Supporter

KROKI

Inserito il - 13/02/2013 : 15:16:11  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo Invia a Snaggletooth un Messaggio Privato Aggiungi Snaggletooth alla lista amici
Ciao,

sono a porvi un quesito di elettrotecnica per un progetto non fermodellistico che sto realizzando.

Si tratta di alimentare un circuito con una tensione +30V/0/-30V

Lasciando perdere il passaggio attraverso i ponti raddrizzatori che forniranno la tensione continua, il trasformatore che dovrei utilizzare ai rami del secondario deve fornire 15V o 30V?

Immagine:

11,37 KB

e per avere i due rami con la tensione 30 V e lo 0 centrale quale collegamento devo fare tra le uscite dei secondari?







 Firma di Snaggletooth 
La struttura alare del calabrone in proporzione al suo corpo non e' idonea al volo, ma lui non lo sa e percio' continua a volare.
Igor Ivanovich Sikorsky (1889-1972)

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: Milano  ~  Messaggi: 2171  ~  Membro dal: 16/11/2007  ~  Ultima visita: Ieri

lucianopasian56

Senior Märklin Supporter


Inserito il - 13/02/2013 : 15:51:56  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a lucianopasian56 un Messaggio Privato Aggiungi lucianopasian56 alla lista amici
Riassumendo, devi fornire in uscita una tensione in continua di +30 V e una -30V con lo 0 in comune? (Immagino che si tratti di un amplificatore di potenza)
In ogni caso, effettivamente, la risposta è che ogni secondario deve fornire 30 volt AC in uscita, non 15.
Con un trasformatore a due secondari da 15+15 si ottiene
o una alimentazione a 30 V
o +15/0/-15.

Quindi ti serve un trasformatore 30+30. Naturalmente se i/il raddrizzatore è seguito da un circuito di stabilizzazione, 30 sono pochini perché qualcosa si mangia il regolatore.
Vale la pena di ricordare che una tensione di 30 volt in AC si intende come valore efficace: una volta raddrizzata e con i condensatori (prima del regolatore), se si va a misurare con il tester senza il carico si leggerà una tensione di 30*1,41= 42,3 ! non bisogna farsi ingannare: questo è un valore di picco, sotto carico si abbassa senza pietà, perché il valore efficace (che si chiama così per buoni motivi) resta 30.






Modificato da - lucianopasian56 in data 13/02/2013 15:53:01

  Firma di lucianopasian56 
Luciano Pasian

 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 597  ~  Membro dal: 23/07/2011  ~  Ultima visita: 24/07/2014 Torna all'inizio della Pagina

lucianopasian56

Senior Märklin Supporter


Inserito il - 13/02/2013 : 16:05:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a lucianopasian56 un Messaggio Privato Aggiungi lucianopasian56 alla lista amici
Per quanto riguarda il collegamento dei capi dei terminali del trasformatore, c'è un caso in cui potresti collegarli come ti pare e uno no, a seconda del circuito di raddrizzamento. Però è meglio attenersi sempre al caso in cui no .
I due avvolgimenti secondari devono essere collegati in modo da essere in fase: vuol dire che se tu colleghi tra di loro il nero e il giallo del tuo disegno (e questo diventa lo 0 del tuo circuito di alimentazione) devi poter misurare con il tester tra il rosso e l'arancione 60 Volt AC: se invece si leggono 0 volt, bisogna collegare il nero con l'arancio ( e misurare 60 V) questa è una delle procedure per verificare se sono in fase, la più semplice, pur essendo assolutamente corretta.

C'è da dire che i trasformatori con due secondari da nn+nn Volt vengono sempre forniti con i capi da unire per avere i secondari già in fase o già collegati oppure ben marcati, in modo da rendere la cosa evidente. Se così non fosse, e mi parrebbe strano, il metodo indicato può dirimere la questione.






Modificato da - lucianopasian56 in data 13/02/2013 16:08:15

  Firma di lucianopasian56 
Luciano Pasian

 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 597  ~  Membro dal: 23/07/2011  ~  Ultima visita: 24/07/2014 Torna all'inizio della Pagina

Dampflok
Socio "Insider"
Supervisore




Inserito il - 13/02/2013 : 16:28:10  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  Dampflok Invia a Dampflok un Messaggio Privato Aggiungi Dampflok alla lista amici
Mah, come sai non sono molto portato per il fai da te e meno che meno per apparecchiature che sono a contatto con la 230.

Quindi la richiesta che fai a noi io la farei ad un professionista il quale avvolge trasformatori tutti i giorni e potrebbe fartelo secondo le tue specifiche (fra l'altro non dici un parametro fondamentale che è la potenza che tale trasformatore deve erogare)

Una volta questi specialisti erano abbastanza numerosi, ora non so ma a Milano non dovresti avere difficoltà.

Forse può esserti utile questa lettura:
http://www.riparatore.altervista.or...i/index.html

Roberto








  Firma di Dampflok 
Dampflok

 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 6595  ~  Membro dal: 26/11/2005  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

eroncelli
Socio "Insider", PMM
Supervisore



Inserito il - 13/02/2013 : 16:29:58  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  eroncelli Invia a eroncelli un Messaggio Privato Aggiungi eroncelli alla lista amici
Non è proprio così semplice: andrebbe considerata anche la cdt sul ponte raddrizzatore (di solito 1,4 V), la capacità del condensatore che, in relazione al carico, o meglio alla corrente assorbita, sposta la tensione dal teorico 30x1,42 fino a 30V.
Poi dipende dal "regolatore": di tipo tradizionale o con apposito circuito regolatore ?

Direi che sarebbe utile conoscere lo schema completo, incluso la corrente da erogare: comunque in rete ci sono gli schemi già pronti, incluso il calcolo del trafo (e ne abbiamo anche parlato a proposito di alimentatori per la scala Z).







  Firma di eroncelli 
Eugenio
(Töcc i òmen e fómne i nàs lìberi e compàgn in dignità e derécc)

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Bergamo  ~ Città: Bergamo  ~  Messaggi: 3546  ~  Membro dal: 27/04/2008  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

montelli

Superactive Märklin Supporter


Inserito il - 13/02/2013 : 16:42:03  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a montelli un Messaggio Privato Aggiungi montelli alla lista amici
se è un trasformatore per amplificazione (valvolare?)ti posso mandare un indirizzo di un artigiano a milano che li fa anche su misura





  Firma di montelli 
federico montelli
La mia Pagina Personale 3r
L'Album fotografico

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 489  ~  Membro dal: 06/06/2011  ~  Ultima visita: 10/06/2014 Torna all'inizio della Pagina

Snaggletooth

Supersenior Märklin Supporter

KROKI


Inserito il - 13/02/2013 : 17:38:47  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a Snaggletooth un Messaggio Privato Aggiungi Snaggletooth alla lista amici
Vi ringrazio per le risposte e i chiarimenti.
Adesso recupero un po' di informazioni da postare per chiarirvi meglio il tutto.
Non si tratta dell'alimentazione di un finale di potenza, ma di quella di un preamplificatore.
A piu' tardi... e nuovamente grazie






  Firma di Snaggletooth 
La struttura alare del calabrone in proporzione al suo corpo non e' idonea al volo, ma lui non lo sa e percio' continua a volare.
Igor Ivanovich Sikorsky (1889-1972)

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: Milano  ~  Messaggi: 2171  ~  Membro dal: 16/11/2007  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Snaggletooth

Supersenior Märklin Supporter

KROKI


Inserito il - 13/02/2013 : 19:13:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a Snaggletooth un Messaggio Privato Aggiungi Snaggletooth alla lista amici
Allora,
il progetto e' un "clone" disponibile in rete in varie forme ed elaborazioni circuitali, del pre fono di Nelson Pass "Xono".
Quindi come dicevo, non un finale di potenza ma un preamplificatore.

Ho recuperato i pdf delle schede (alimentazione e segnale) con la disposizione dei componenti.

ALEPH_ONO_PRE.pdf (364,25 KB)
ALEPH_ONO_PSU.pdf (205,82 KB)

Il progetto originale prevede l'utilizzo di una coppia di trasformatori da circa 50 Watt di potenza.
Immagino bene che il costruttore avra' fatto i suoi conti relativamente al dimensionamento degli stessi, pero' mi piacerebbe sapere da voi come si arriva a calcolare questo dato.
Un eventuale sovradimensionamento degli stessi, avrebbe un senso?

Grazie ancora.






Modificato da - Snaggletooth in data 13/02/2013 19:24:23

  Firma di Snaggletooth 
La struttura alare del calabrone in proporzione al suo corpo non e' idonea al volo, ma lui non lo sa e percio' continua a volare.
Igor Ivanovich Sikorsky (1889-1972)

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: Milano  ~  Messaggi: 2171  ~  Membro dal: 16/11/2007  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Dampflok
Socio "Insider"
Supervisore




Inserito il - 13/02/2013 : 20:06:08  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  Dampflok Invia a Dampflok un Messaggio Privato Aggiungi Dampflok alla lista amici
Nel link che ti ho postato ci sono diverse tabelle esplicative; nel tuo primo post non specificavi i 50 W. richiesti

Essendo a livello "PRE" non credo sia il caso di sovradimensionare il trasformatore, ma ciò non influirebbe sul funzionamento; piuttosto starei attento a non sottodimensionare.

Questi trasformatori li vedevo spesso nei Kit di "Nuova elettronica", purtroppo tanti, tanti, tanti anni fa

Roberto







  Firma di Dampflok 
Dampflok

 Regione Lazio  ~ Prov.: Roma  ~ Città: Roma  ~  Messaggi: 6595  ~  Membro dal: 26/11/2005  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

lucianopasian56

Senior Märklin Supporter


Inserito il - 13/02/2013 : 20:37:34  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a lucianopasian56 un Messaggio Privato Aggiungi lucianopasian56 alla lista amici
Roberto, questo è il caso uno: i due secondari li puoi collegare come vuoi, tanto ognuna delle due sezioni ha un ponte raddrizzatore per conto suo.
Invece dice chiaramente che ogni secondario deve essere da 30 V.
Quindi procurati un trasformatore con le uscite da 30+30 e 100VA (nel caso di trasformatori si parla di VA, VoltAmper, non di Watt); oppure due trasformatori da 50 VA e 30 Volt sul secondario.
Sul perché sia richiesta una potenza così elevata per un preamplificatore, non riesco a fare nessuna illazione (?), ma ci fidiamo di quanto hai letto nella descrizione. Come si arriva a fare il conto? ci vorrebbe lo schema; un pre di alto livello, di tutto si preoccupa tranne che dell'efficienza, però mi pare veramente esagerato, anche se una enorme riserva di potenza serve a fare in modo che in ogni condizione l'alimentatore non si "sieda" mai, causando con le sue fluttuazione delle distorsioni impercettibili ma inaccettabili in questi elementi "high end".






Modificato da - lucianopasian56 in data 13/02/2013 20:41:31

  Firma di lucianopasian56 
Luciano Pasian

 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 597  ~  Membro dal: 23/07/2011  ~  Ultima visita: 24/07/2014 Torna all'inizio della Pagina

eroncelli
Socio "Insider", PMM
Supervisore



Inserito il - 14/02/2013 : 08:46:06  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Clicca sul telefono per chiamare con Skype  eroncelli Invia a eroncelli un Messaggio Privato Aggiungi eroncelli alla lista amici
Alcune note, secondo il mio modo di vedere:
1) l'alimentatore è quadruplo (sono 2 alimentatori +32/0/-32 V)
2) l'ingresso è a semplice raddrizzatore (non è a ponte)
3) la potenza per un "pre" è esagerata: probabilmente è l'alimentatore di tutto, pre + finale di potenza
4) trasformatori del genere si trovano già pronti: vanno bene anche trasformatori con 1 solo secondario a 30V (ne servono 2 ovviamente e quindi 4 nel caso in esame); meglio quelli a nucleo toroidale

Gli schemi elettrici sarebbero più chiari (dal cs non è semplice capire subito lo schema).







  Firma di eroncelli 
Eugenio
(Töcc i òmen e fómne i nàs lìberi e compàgn in dignità e derécc)

 Regione Lombardia  ~ Prov.: Bergamo  ~ Città: Bergamo  ~  Messaggi: 3546  ~  Membro dal: 27/04/2008  ~  Ultima visita: Oggi Torna all'inizio della Pagina

lucianopasian56

Senior Märklin Supporter


Inserito il - 14/02/2013 : 10:28:12  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo Invia a lucianopasian56 un Messaggio Privato Aggiungi lucianopasian56 alla lista amici
E' vero , ha ragione Eugenio, sono proprio due alimentatori distinti (in effetti ci sta, i due canali hanno alimentatori separati, molto raffinato) ... due trasformatori da 30+30 da 50VA ciascuno; tantini, credo che abbia ragione Eugenio, questo deve essere il circuito di alimentazione per tutto, non solo per il pre.





  Firma di lucianopasian56 
Luciano Pasian

 Regione Piemonte  ~ Prov.: Torino  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 597  ~  Membro dal: 23/07/2011  ~  Ultima visita: 24/07/2014 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
  Bookmark this Topic  
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000
Questa pagina è stata generata in 0,14 secondi.

Cataloghi Marklin